DIARIES

Aquile Reali

Aquile Reali

Ciao, sono Francesco Bravi, videomaker e fotografo della band, ma prima ancora di essere un ruolo sono un collega di Cabo, un amico di Cabo.
Inutile negare che le due cose sono necessariamente collegate. Ma se state pensando in maniera maliziosa vi state sbagliando!

Partiamo dall’inizio.
Cabo è la classica persona che inizia a credere in te fin dal primo giorno in cui ti conosce e lo fa in maniera disinteressata.
Il mio primo colloquio è stato: “Ciao, questo è il mio curriculum e questi sono i lavori che ho fatto…”
- Cabo: “NON ME NE FREGA UN CAZZO! Dimmi chi SEI e cosa ti piace fare…” a cui seguì la domanda:"perché sei qui?”
Domanda a cui riuscii a rispondere solo qualche anno dopo, e posso garantirvi che la risposta non era “per cercare un lavoro”.

La risposta serviva a definire il mio ESSERE, a mettermi alla prova e a CRESCERE. Lui invece lo aveva già capito allora, aveva visto qualcosa e avrebbe pazientato senza svelarmelo: aveva capito che mi stava già aspettando.

Qui iniziava la collaborazione.
Collaborazione che ha visto tante forme, subìto tante evoluzioni e che potrebbe cambiare ancora o terminare domani. Come mi piace, senza paura, senza paranoie di sorta, ma sempre con quella fame che Cabo ha continuamente aiutato ad alimentare e mai a sfamare… perché questo è il segreto e la cosa più importante!

Cabo è un allevatore di Aquile Reali.
Prima di tutto ne riconosce il sangue blu, poi le aiuta a CAPIRE come procacciarsi il cibo e a come difendersi, ma senza mai farlo al posto loro perché sa che arriverà il momento in cui dovranno volare da sole.
Cabo è un Maestro che forma Maestri che non smettono mai di essere allievi. Sa che il giorno in cui smetterà di apprendere sarà il giorno in cui smetterà di vivere.
- “Insegui il Buddha, uccidi il Buddha, diventa il Buddha” è una delle frasi che ripete più spesso.
Per quanto mi riguarda non mi sento né un Buddha né un Maestro, ma mi sento felice perché ho avuto un’occasione e soprattutto perché adesso so come procurarmene altre.

Il nero per me è un po’ questo, una scommessa affrontata senza paura, con nobiltà d’animo, con coraggio e tanta fatica. Un progetto con un successo certo, se non materiale di certo spirituale.
Come per i precedenti progetti affrontati ne siamo usciti più ricchi, più forti, ma sempre affamati. La storia personale di ognuno si ripete e si definisce per quello che SA desiderare. Non c’è secondo me una sola cosa al mondo che non si può imparare a fare bene se alla base c’è desiderio e consapevolezza su come ottenerla.

Vi accorgerete con piacere che la parte più facile e difficile allo stesso tempo è partire, iniziare a FARE.

Vi accorgerete, allo stesso modo, che solo per questo metterete fuori dai giochi quelli più talentuosi di voi, ma che, ahimè, invece non sono partiti.

Infine vi accorgerete che avere le palle per partire è un talento molto raro che fa di voi un Aquila Reale.

Più visti

LASCIA UN COMMENTO

Leave your comment

Condividi le tue opinioni su ILNERO

Caratteri rimanenti: 1500